closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Fiom e sciopero sociale, due piazze per due cortei

Milano. Mezza Italia metalmeccanica manifesta a Milano (porta Venezia ore 9,30), mentre precari, sindacati di base e movimenti si ritrovano in piazza Cairoli (ore 9,30). Sul palco del Duomo, insieme a Maurizio Landini, anche Susanna Camusso. Il segretario generale della Cgil attacca i "renziani" del Pd che ironizzano sullo "sciopero ponte" e replica alla Cisl che ha preso le distanze dallo sciopero generale del 5 dicembre: "Debolezza è non reagire, loro decidano da che parte stare".

Sciopero, anzi scioperi. Oggi a Milano sfila mezza Italia metalmeccanica (l’altra metà sfilerà a Napoli venerdì prossimo 21 novembre). Sono otto ore di sciopero proclamato dalla Fiom in tutte le aziende del centro nord (Valle d’Aosta, Trentino, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli, Emilia e Toscana). Gli operai ce l’hanno con Matteo Renzi, tanto per sintetizzare la piattaforma di uno sciopero che non si limita a contrastare la filosofia regressiva del job act ma chiede anche “legalità, uguaglianza, democrazia e diritti per tutti”. Un manifesto (quasi) politico che ha raccolto l’adesione di ciò che resta della sinistra milanese, e che non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi