closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Fiom: 115 anni in lotta per i diritti

Il presidente del Senato Pietro Grasso: «Sindacati irrinunciabili per migliorare le condizioni di lavoro». Camusso sostiene il ruolo del contratto nazionale. Landini rilancia il conflitto con Federmeccanica. Zagrebelsky: «Il diritto del lavoro difende i deboli. Oggi la situazione è drammatica»

Al Senato ieri

Al Senato ieri

Centoquindici anni di storia della Fiom sono stati celebrati ieri al Senato dal presidente Aldo Grasso con il segretario generale Cgil Susanna Camusso, quello dei meccanici di Corso Italia Maurizio Landini, Francesca Re David, Gianni Rinaldini (presidente Fondazione Claudio Sabattini) e Gustavo Zagrebelsky, presidente emerito della Corte Costituzionale. «La Fiom è stata grande protagonista e non ha mai mancato, nelle diverse fasi della storia del nostro Paese, di rappresentare il lavoro, di agire per rendere concreto ed effettivo il principio lavorista sancito dalla nostra Costituzione – ha detto Grasso - È compito della politica e delle istituzioni impedire in ogni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.