closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Finisce l’era Rajoy, sepolta dagli scandali. È il turno dei socialisti

Spagna. La mozione di sfiducia presentata dal leader Psoe ha i numeri. Pedro Sánchez promette un governo «paritario ed europeista»

Il leader socialista Pedro Sánchez, sotto il premier Mariano Rajoy lascia il Congresso

Il leader socialista Pedro Sánchez, sotto il premier Mariano Rajoy lascia il Congresso

La Spagna oggi avrà un nuovo governo a guida socialista. Dopo i due tentativi falliti di Pedro Sánchez di diventare il capo dell’esecutivo spagnolo nel 2016, lo storico voto che lo incoronerà come il nuovo presidente del governo avverrà nel corso della giornata di oggi. È la prima volta che in Spagna una mozione di sfiducia viene approvata: quella di oggi, presentata dai socialisti una settimana fa, dopo la dura sentenza sul caso di corruzione che condanna esponenti di primo piano del partito popolare, è la quinta della storia democratica di questo paese. L’ultima, l’aveva presentata Unidos Podemos un anno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi