closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Fine dell’incubo per Gino Pollicardo e Filippo Calcagno

Sabratha/Libia. Sono riusciti a liberarsi da soli, quando si sono resi conto dell'assenza dei loro carcerieri. Per il sindaco di Sabratha invece sarebbero salvi grazie ad un blitz militare. Intanto salta di nuovo la formazione di un governo libico di unità nazionale

Gino Pollicardo e Filippo Calcagno

Gino Pollicardo e Filippo Calcagno

Dopo il dolore per l'uccisione due giorni fa di Salvatore Failla e Fausto Piano, avvenuta (forse) nello scontro a fuoco tra la milizia di Sabratha e islamisti non meglio identificati, ieri gli altri due tecnici italiani sequestrati a luglio a Mellitah, Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, sono riusciti a liberarsi e a raggiungere la salvezza. Una fuga che ha del miracoloso. Stando ad una prima versione giunta da Sabratha, i due, nella notte tra giovedì e venerdì, si sono resi conto di essere rimasti soli nella cantina della casa di una famiglia marocchina nella zona nord-ovest della città dove sette...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.