closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Fine della storia, chiude Radio Città del Capo

Bologna. La storica emittente della sinistra bolognese, nata nel 1987 sull’onda delle radio libere, finisce paradossalmente nelle mani di Berlusconi

È ufficiale. Radio Città del Capo non esiste più. A deciderlo la cooperativa bolognese Open Group, che ha venduto l'ultima frequenza rimasta a Radio Subasio, gruppo Mediaset. Facile l'ironia: una delle ultime radio libere finisce nelle mani dell'azienda fondata da Silvio Berlusconi. Cosa è successo? «Non reputiamo più strategica la radiofonia tradizionale in analogico», aveva spiegato l’editore già nel novembre 2020 annunciando di volere investire altrove. Finisce così l'epopea lunga 34 anni di una radio libera e indipendente entrata nell'orbita di quella che poi è diventata una maxi cooperativa con più di 600 dipendenti e fatturato da decine di milioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.