closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Fine della censura di Stato ma al cinema resta l’autocensura

Film. La Commissione per la classificazione rimpiazza quella per la revisione. Pedagogisti, sociologi, avvocati ma solo quattro esperti del settore cinematografico

L’ultimo caso di censura di un’opera cinematografica in Italia risale appena al 2012, quando la Commissione di revisione cinematografica ha negato il rilascio del nulla osta per l’horror indipendente Morituris di Raffaele Picchio - «per motivi di offesa al buon costume», e perché «la Commissione ritiene la pellicola un saggio di perversività e sadismo gratuiti» - mentre nel 1998 era stata la volta dello «scandalo» di Totò che visse due volte di Ciprì e Maresco. Da ieri, annuncia Franceschini, questo non potrà più accadere: è stata «abolita la censura cinematografica, definitivamente superato quel sistema di controlli e interventi che consentiva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.