closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Fincantieri, cantieri sequestrati causa scorie

Monfalcone. I carabinieri del Noe, su mandato del tribunale, chiudono gli stabilimenti friulani. Sette indagati, tra cui l'ex direttore. Sono 4500 gli operai fermi

Un deposito di scorie irregolare, ben sette indagati - tra cui l’ex direttore dei cantieri navali - il provvedimento di sequestro dell’area a opera dei carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico): ieri la Fincantieri ha annunciato il blocco degli stabilimenti di Monfalcone in seguito all’ordinanza del tribunale di Gorizia, e la conseguente sospensione del lavoro per ben 4500 operai, con le attività che proseguiranno solo per circa 100 addetti alla manutenzione. Tra gli indagati c’è Carlo DE Marco, ex direttore dei cantieri di Monfalcone: insieme a lui sono stati raggiunti da provvedimento di garanzie i titolari di sei aziende che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi