closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un “filo” d’imbarazzo per Benetton

Bangladesh. Le macerie del Rana Plaza restituiscono T-shirt col marchio dell'azienda italiana e ordini d'acquisto. Una semplice smentita a questo punto non basta. E la campagna «Abiti puliti» chiede spiegazioni. Il sistema del tessile si regge sul lavoro low-cost e le agevolazioni fiscali. Di qui si chiama "globalizzazione", di là "boom economico"

Non si placa la rabbia degli operai tessili dopo il crollo del Rana Plaza

Non si placa la rabbia degli operai tessili dopo il crollo del Rana Plaza

C’è un filo di imbarazzo forse negli uffici della Benetton. Un filo, è il caso di dirlo, molto simile a quello che si intesse sui telai che fabbricano magliette e che dal trevigiano arriva sino alla tragedia di Dhaka. Nonostante proprio qualche giorno fa l’azienda italiana, presente come gruppo in 120 Paesi con oltre 5.500 negozi, avesse preso le distanze dalle fabbriche bangladeshi coinvolte nel crollo del Rana Plaza sostenendo che «i laboratori coinvolti non collaborano in alcun modo con i marchi del gruppo Benetton», adesso spuntano fotografie e documenti, persino magliette etichettate United Colors of Benetton. Le t-shirt, fotografate...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.