closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Figliuolo: «Entro la fine di marzo, in Italia oltre 7 milioni di dosi»

L’incontro con le Regioni. Per il generale il problema è il trasporto «nell'ultimo miglio» sul territorio e la gestione dei punti di somministrazione. I presidenti chiedono semplificazione e chiarezza sulle categorie da vaccinare. Il Lazio spinge per lo Sputnik V, ieri meeting allo Spallanzani con il fondo d’investimento russo

Roma, lavori per la costruzione del centro vaccini alla stazione Termini; in basso Paolo Francesco Figliuolo

Roma, lavori per la costruzione del centro vaccini alla stazione Termini; in basso Paolo Francesco Figliuolo

Il neo commissario all’emergenza Covid Paolo Francesco Figliuolo ieri ha incontrato le Regioni insieme ai ministro Roberto Speranza e Maria Stella Gelmini e al capo della Protezione civile Fabrizio Curcio per fare il punto sui vaccini e cercare di imprimere un’accelerazione al piano che intanto ha superato quota 5 milioni di somministrazioni. Al vertice, in cui ha fatto capolino via video l’ex commissario Domenico Arcuri per un breve saluto di commiato, si è parlato della necessità di istituire un fondo di solidarietà per la campagna vaccinale «accantonando l’1-2% da ciascuna consegna per la creazione di riserve da utilizzare con strategia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi