closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Fidelio», la nostalgia della libertà di un «santo visionario»

A teatro. Alla Scala di Milano torna l'opera di Beethoven nell'allestimento di Deborah Warner. Dirige l'orchestra Myung-Whun Chung

Una scena del «Fidelio»

Una scena del «Fidelio»

Torna al Teatro alla Scala di Milano Fidelio di Ludwig van Beethoven, nello stesso allestimento della regista Deborah Warner che ha aperto la stagione nel 2014. Per spiegare la forza che quest’opera ancora oggi possiede e perché la prima rappresentazione sia stata dedicata a Vittore Veneziani e a Erich Kleiber nell’ottantesimo anniversario delle leggi raziali, serviamoci delle parole del grandissimo Wilhem Furtwängler a tre anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale: «Certamente, Fidelio non è un’opera nel senso usuale, né Beethoven è un musicista per il teatro o un drammaturgo. È qualcosa di più, un musicista completo, e oltre a questo,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.