closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Festa kurda a Kobane, dove ora tutto è possibile

Siria. Tra le macerie della città che esulta perché «Tel Abyad è caduta». Dopo tre anni di lotta contro l'Is, la Rojava è finalmente unita. E mentre ancora si piangono i martiri, c’è già chi pensa alla ricostruzione

Milizie kurde a Tel Abyad

Milizie kurde a Tel Abyad

Non c’è fine ai festeggiamenti per la liberazione di Tel Abyad nel Cantone di Kobane. Dopo tre anni di assedio la Rojava è finalmente unita. Il villaggio della Collina Bianca (Tel Abyad in arabo) è ancora infestato di mine e macchine piene di esplosivo, mentre restano sacche di combattimenti dei miliziani dello Stato islamico nel centro urbano e nelle aree limitrofe. «Tel Abyad è caduta. Pkk e Pyd (partiti kurdi in Turchia e Siria, ndr) arrivano a Kobane da Qamishli», ha urlato per primo nel cuore della notte di Kobane un ragazzo per le strade piene di macerie della città...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.