closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Ferrovie e siderurgia come Avanguardia

A Milano, Palazzo Reale, cinquantra opere dal Philadelphia Museuom of Art. La mostra spiega come e perché i magnati americani scoprirono l’arte moderna, dall’impressionismo a Dada. Il fiore all’occhiello è la collezione dei coniugi Arensberg, folgorati dal "Nudo" di Duchamp all’Armory Show

Jean Metzinger,

Jean Metzinger, "Le goûter", 1911, Philadelphia Museum of Art, Collezione Louise e Walter Arensberg

Se navigando sul sito del Philadelphia Art Museum alla voce Cézanne la ricerca dà la bellezza di 190 opere, una spiegazione c’è. La stessa spiegazione che vale per la Barnes Collection, sempre di Philadelphia, dove di Cézanne ne troviamo 63. La capitale della Pennsylvania a partire dalla metà dell’Ottocento è stata infatti epicentro di un fenomeno collezionistico che ha pochi paragoni nella storia, reso possibile dalle grandi ricchezze accumulate, in particolare grazie al business delle ferrovie e dell’industria siderurgica. Su questa classe di magnati l’Europa, e Parigi in particolare, avevano poi esercitato un’attrazione irresistibile. Se la maggior parte di queste...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi