closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Ferrero e Loacker, lo sfruttamento intensivo delle nocciole

Capitalismo agroalimentare. Dopo il terremoto nel maceratese la monocultura è diventata l’alternativa alla miseria. E le imprese ne approfittano. Carlo Petrini (Slow Food): "Le scelte produttive sono condizionate dalla domanda della grande industria e i contadini sono costretti a diventare lavoratori a cottimo"

Cambiare la storia, cambiare la geografia, cambiare le persone. I terremoti del 2016 e del 2017 non hanno lasciato solo macerie sull’Appennino, hanno anche completato un processo già in atto da anni: quello dell’abbandono delle aree interne. La gente va a vivere altrove, il lavoro scompare, resta solo chi è troppo vecchio per inventarsi un presente diverso e chi non ha altre alternative. DA SEMPRE in queste zone si vive per lo più di pastorizia e agricoltura e adesso, con l’economia affidata soltanto a un flusso turistico non organizzato né foriero di grandi numeri, la crisi si fa sentire più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.