closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Fermata anche la Guardia costiera

La nave Diciotti con a bordo 600 profughi. Due giorni di attesa prima di avere l’indicazione di un porto dove attraccare

Ancora una volta Matteo Salvini fa quello che gli riesce meglio: alzare sempre più l’asticella dello scontro con i migranti e chi li soccorre in mare. Chiunque esso sia. E così dopo essersela presa con le navi delle ong chiudendo i porti all’Aquarius di Sos Mediterranée e Medici senza frontiere, nel mirino del ministro degli Interni ieri è finita la Guardia costiera una cui nave, la Diciotti, è stata lasciata per ben due giorni a navigare avanti e indietro tra Malta e l’Italia in attesa di conoscere il nome di un porto dove far sbarcare gli oltre 600 migranti che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.