closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Ferlinghetti, quando «Autobiography» aveva il ritmo del jazz

Reading & musica. Il poeta, libraio, editore condivideva con molti scrittori beat la passione per Count Basie, Thelonious Monk e, naturalmente, Charlie Parker

Possono la poesia e la narrativa beat essere intese senza un rapporto sinergico con la musica, soprattutto jazz (non trascurando il rock)? Fin dal 1951 Jack Kerouac aveva scoperto quella che chiamava prosa spontanea-forma pazza-prosodia bop, teorizzando il flusso di scrittura al pari dell’assolo di un sassofonista. Del resto lo stesso Kerouac aveva celebrato San Francisco con i suoi «San Francisco Blues» e la Città della Baia ci porta dritti a Lawrence Ferlinghetti. IL POETA, libraio, editore appena scomparso condivideva con molti scrittori beat la passione per Count Basie, Thelonious Monk e, naturalmente, Charlie Parker. Del resto Ferlinghetti considerava la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi