closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Ferit Karahan, la società turca fra menzogne e paura

Berlinale 71. Parla il regista di «Brother’s Keeper», ambientato in un collegio dell'Anatolia. Nella selezione di Panorama

«È una storia semplice: un bambino sta male, e il suo amico lo deve aiutare» dice Ferit Karahan, il regista di Brother’s Keeper. I due bambini, Yusuf e Memo, sono studenti di un collegio nei territori curdi dell’Anatolia, una struttura autoritaria, isolata in mezzo a neve e montagne, dove trovare aiuto - e anche solo capire perché Memo si è sentito male - è un’impresa quasi impossibile. «All’inizio degli anni Novanta ho passato sei anni in un collegio come quello di Brother’s Keeper», racconta Karahan. «Cerco di scrivere la sceneggiatura del film dal 2009, ma all’epoca non riuscivo a mettere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.