closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Fenomenologia della cucurbitacea sugosa che da secoli disseta i popoli del mondo

Il fatto della settimana. Storie, leggende, nomi, produzioni, specie rare e altre sugose curiosità del «Citrullus lanatus», il frutto che dal XII secolo rinfresca le vacanze italiane

Cocomero, anguria, melone d’acqua: tanti modi per indicare il Citrullus lanatus. Si tratta di una cucurbitacea, la stessa famiglia a cui appartengono melone, cetriolo, zucchina, zucca. La pianta, originaria dell’Africa tropicale, dove ancora sono presenti numerose varietà spontanee, era coltivata nell’antico Egitto. IN ITALIA È STATA INTRODOTTA dagli arabi partire dal XII secolo. Il nome scientifico della pianta mette d’accordo i botanici, non certo coloro che utilizzano i nomi comuni per denominarla. Neanche l’Accademia della Crusca è riuscita a individuare la forma più corretta per indicare questo frutto. Se la denominazione «anguria», dal greco angurion, prevale nettamente nelle regioni del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.