closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Fca-Uaw, finto «centro di formazione» portava a un risparmio di 8 dollari l’ora

Le Accuse di Gm. I soldi per tangenti e orologi dal fondo co-gestito. General Motors chiederà fino a 6 miliardi di danni. Elkann: «Accuse infondate», ma la Borsa non ci crede

Sergio Marchionne durante una trattativa negli Stati Uniti

Sergio Marchionne durante una trattativa negli Stati Uniti

Come si corrompe un sindacato. Un centro di formazione gestito congiuntamente da Fca e dalla United automobile workers (Uaw), lo storico sindacato dei metalmeccanici americani. Era da qui che i tre manager di Fca pagavano i capi di Uaw. Era Jerome Durden, manager Fca, a gestire le finanze del centro e ad elargire tangenti e regali ai capi con cui l’azienda guidata al tempo da Sergio Marchionne stava trattando il rinnovo dei contratti del 2009, del 2011 e del 2015. Oltre a Durden, si sono già dichiarati colpevoli l’ex capo delle relazioni sindacali di Fca Alphons Iacobelli e il funzionario...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.