closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Favole e misfatti

A teatro. All'India di Roma sono andate in scena «Pinocchio» e «Cenerentola», adattamento delle celebri fiabe nelle riscritture di Joel Pommerat per la regia di Fabrizio Arcuri

Una scena da «Cenerentola»

Una scena da «Cenerentola»

Un’immersione in due notissime fiabe, per renderle meccanismi di smascheramento delle paure più profonde, dilaganti, trasversali e dei conflitti familiari a ogni epoca rinnovabili. Pinocchio e Cenerentola nelle riscritture di Joël Pommerat sono un esempio di materiali classici riattualizzati e messi al servizio della scena, dei quali il regista Fabrizio Arcuri si appropria per darli in pasto alla sua troupe effervescente E declinarli con un’ironia acida e disincantata nel percorso irto di pericoli e cadute dei due protagonisti. Corale e festoso Pinocchio restituisce i quadri della fabula scardinati dalla morale fino all’estreme conseguenze: chiunque si impadronisca del microfono e tentasse...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi