closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Non assegnato

Fatto, Giornale e Libero diffamarono Vendola

Fu diffamazione dell'ex presidente di Sel. Un'intercettazione telefonica con l'ex addetto ai rapporti istituzionali dell'Ilva, pubblicata online, fece partire il linciaggio

Nichi Vendola

Nichi Vendola

Sentenze di condanna per Il Fatto Quotidiano, Il Giornale, Libero e Il Giornale d’Italia per aver diffamato Nichi Vendola ricamando, nell’autunno 2013, su un’intercettazione – lanciata dal sito del Fatto – raccontata come «Vendola che ride dei morti di tumore a Taranto». Ma l’audio era manipolato e montato su un video che provocò un vero linciaggio dell’allora presidente della Puglia. Il Tribunale di Bari ha condannato le testate e i direttori Peter Gomez, Alessandro Sallusti, Maurizio Belpietro, Francesco Storace, e altri giornalisti a risarcire Vendola. Vendola, sul manifesto dell’16 novembre ‘13, aveva spiegato la diffamazione di cui era oggetto.