closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Fassina: l’errore è la subalternità

Replica ai sindaci. L'ex viceministro uscito dai democratici: «Gli appelli vanno bene, ma si rivolgano al premier. È lui che ha rotto». «La destra vince nel vuoto delle alternative. Nuovo partito? Non una federazione»

Stefano Fassina

Stefano Fassina

Stefano Fassina, i sindaci Pisapia, Doria e Zedda fanno un appello alla ricostruzione dell’unità del centrosinistra nelle città. Vanno oltre auspicando che l’opposizione al governo Renzi, sia «un momento transitorio». Che ne pensa? L’appello è sensato, ma il destinatario è Matteo Renzi, che è il responsabile della rottura a sinistra attraverso il Jobs act, la legge sulla scuola, lo Sblocca Italia, la riforma costituzionale, la legge elettorale. E la rottura non è stata tanto nei gruppi dirigenti ma nel popolo del centrosinistra. C’è una parte del popolo democratico che non considera più il Pd un interlocutore per portare avanti una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.