closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Fassina: l’errore è la subalternità

Replica ai sindaci. L'ex viceministro uscito dai democratici: «Gli appelli vanno bene, ma si rivolgano al premier. È lui che ha rotto». «La destra vince nel vuoto delle alternative. Nuovo partito? Non una federazione»

Stefano Fassina

Stefano Fassina

Stefano Fassina, i sindaci Pisapia, Doria e Zedda fanno un appello alla ricostruzione dell’unità del centrosinistra nelle città. Vanno oltre auspicando che l’opposizione al governo Renzi, sia «un momento transitorio». Che ne pensa? L’appello è sensato, ma il destinatario è Matteo Renzi, che è il responsabile della rottura a sinistra attraverso il Jobs act, la legge sulla scuola, lo Sblocca Italia, la riforma costituzionale, la legge elettorale. E la rottura non è stata tanto nei gruppi dirigenti ma nel popolo del centrosinistra. C’è una parte del popolo democratico che non considera più il Pd un interlocutore per portare avanti una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi