closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Fase 25

il governo necessario

Simone Garbati

25 intellettuali. 25 messaggi. 25 giorni per discuterli. 1 manifesto.

BIO

Simone Garbati è nato a Roma nel 1987.È uno scrittore errante, ha vissuto in diverse città e campagne italiane ed europee.Durante i suoi viaggi ha conosciuto persone e organizzazioni che lavorano per una transizione economica e sociale, per l’accesso alla terra, la ridistribuzione del potere e delle risorse.Come ricorda in uno dei suoi saggi di divulgazione: “Le tecnologie e i processi per una società più sostenibile ci sono da decine di anni, molte sperimentazioni sono già state fatte e hanno fornito risultati impressionanti. Quello che manca è la visione politica ed il supporto economico, da da parte di quelle istituzioni che sparirebbero nel renderci tutti liberi. Quello che possiamo fare è uscire dall’illusione che la nostra società possa essere equa se continua a socializzare le perdite e privatizzare i guadagni”.“I semi vanno piantati e non congelati in banche private, vanno fatti crescere nei propri territori per co-evolversi con essi. Il lievito va scambiato, bisogna creare dei punti di ripristino basati sulla distribuzione. Per tanti aspetti della nostra vita possiamo imparare da questi livelli di interdipendenza e ridondanza.”Ma in verità Simone Garbati non esiste, è solo l’alter ego momentaneo di Daniele Bucci, anche lui nato nel 1987 a Roma, designer, ricercatore e attivista, militante introverso, troppo timido per fare il video a proprio nome. Tra i tanti luoghi esiste digitalmente qui.

Dare voce al governo che non c’è.

Per trasformare l’emergenza Covid-19 e mettere in atto i cambiamenti di sistema necessari alla popolazione del pianeta

Dal 25 Aprile 2020 25 intellettuali, personaggi dell’arte, della cultura e della scienza si caleranno nei panni del Presidente del Consiglio, per pronunciare il discorso alla nazione di un Governo che non c’è, ma che è quello che invece servirebbe: il Governo Necessario.

testata il manifesto

in collaborazione con