closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Fantascientifica lentezza

Games. No Man's Sky ideato da Sean Murray e Hello Games per Pc e PS4, per giocarlo occorre amare la letteratura sci-fi

L’immensità spaventa, poichè non c’è solo meraviglia in ciò che è relativamente infinito ma noia, vuoto e ripetizione; il terrore di andare laddove mai nessun uomo è giunto prima e trovarvi un modello banalmente variato di qualcosa di già conosciuto. Con i suoi 18 miliardi di pianeti generati in maniera procedurale da un logaritmo, No Man’s Sky può quindi causare fastidio e tedio smisurato sin dalle prime ore di gioco, tanto da indurre molti giocatori ad abbandonarlo, vituperarlo sui social network, chiedere risarcimenti per la delusione. Ma No Man’s Sky non è un gioco per tutti, non lo è mai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi