closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Falstaff e Atteone, due cacciatori ad alto rischio

Dialoghi. «Fuoriclassico», una serie di conversazioni a Napoli intorno alle figure dell'immaginario letterario e mitologico occidentale: venerdì sarà la volta di Falstaff e Atteone

Diana e Atteone, Parmigianno, Rocca Sanvitale a Fontanellato

Diana e Atteone, Parmigianno, Rocca Sanvitale a Fontanellato

In un popolare programma televisivo del 1995, Carmelo Bene si manifestò al pubblico come un classico vivente. Agli spettatori, allibiti, egli tentava di spiegare: «Il classico è quello che si dà una volta per tutte... Il classico esonera dal contemporaneo. Mi dispiace per voi, non è un dispetto, ma esonerando dal contemporaneo non mi resta che ... comprendere ... una platea di morti destinati all’attualità, alla cronaca, dannati a... e condannati all’informazione». Anche se in modo paradossale e brusco, Bene aveva colto nel segno: il meglio della tradizione antica è l’unica realtà viva e vitale, e ogni tentativo di trasformare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi