closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Facebook: «Crescere a ogni costo anche se qualcuno può morire»

Facebookgate. Il «promemoria Bosworth» apre un nuovo caso. Zuckerberg si dissocia. Il documento ad uso interno risale al 2016 ed è stato rivelato dal sito Buzzfeed

A sinistra, Andrew Bosworth con Mr. Facebook Mark Zuckerberg

A sinistra, Andrew Bosworth con Mr. Facebook Mark Zuckerberg

«Connettiamo le persone. Ecco perché tutto il lavoro che facciamo per la crescita è giustificato. Forse a qualcuno costa la vita perché si espone ai bulli, forse qualcuno muore in un attacco terroristico coordinato sulla nostra piattaforma. Ma connettere le persone è il nostro imperativo». Sono le parole usate dal vice presidente di Facebook Andrew Bosworth in un documento interno del 18 giugno 2016 e pubblicato ieri dal sito Buzzfeed. Il «promemoria» nell’occhio del ciclone è intitolato: «The Ugly»: il brutto, l’orrendo. E intende dire la «verità». Anzi, l’«orrenda verità» del social media. Parole che assumono un significato programmaticamente minaccioso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.