closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Fabrizio Ferraro, l’arte della fuga

Intervista. A proposito di «La veduta luminosa», presentato alla Berlinale

Alessandro Carlini e Catarina Wallenstein in «La veduta luminosa»

Alessandro Carlini e Catarina Wallenstein in «La veduta luminosa»

Fabrizio Ferraro accompagna lo spettatore, novello Waiblinger, in un viaggio on the road sulle tracce di Friedrich Hölderlin. In termini similari a Gli indesiderati d’Europa, che non era un film «su» Walter Benjamin, La veduta luminosa non è un film «sull’» autore dell’Iperione. Senza ricorrere ai crismi della ricostruzione storica, evitando accuratamente la mediazione di un attore che incarni il poeta, Ferraro sposa la scelta più radicale: «entra» negli ultimi versi di Hölderlin – «La veduta» – con l’obiettivo di conferire sostanza visuale, materiale, alle parole sfuggenti di un uomo giunto al tramonto dell’esistenza. A muoverlo non è il desiderio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi