closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Ex Ilva, i sindacati ai ministri: «Serve incontro, lavoro a rischio»

Vertenze Infinite. Dopo la sentenza del Tar per lo spegnimento lettera di Fim, Fiom e Uilm a Giorgetti, Franco, Cingolani e Orlando: a Taranto grande tensione

Lavoratori a Taranto davanti all'acciaieria Arcelor Mittal

Lavoratori a Taranto davanti all'acciaieria Arcelor Mittal

«Serve un incontro urgente per individuare al più presto le necessarie e opportune soluzioni a questa drammatica vertenza». Così i leader di Fim, Fiom e Uilm, Roberto Benaglia, Francesca Re David, e Rocco Palombella, in una lettera ai neo ministri dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, dell'Economia Daniele Franco e del Lavoro, Andrea Orlando sollecitano un incontro dopo la sentenza del Tar di Lecce che ha chiesto lo spegnimento dell'area a caldo dello stabilimento di Taranto entro 60 giorni. Una richiesta, dicono, che si tradurrà «nella distruzione graduale e irreversibile degli impianti coinvolti (cokerie, agglomerato, altoforni,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi