closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Evitiamo di replicare i nostri errori

Verso il 12 ottobre. Difendere l’assetto democratico del paese contro chi progetta, con la revisione della nostra carta costituzionale, di scardinarlo. Ma anche dare il senso di una battaglia propositiva. La sfida è durissima, sinistra e democratici devono stare insieme, senza ripetere errori e personalismi

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia

In questa convulsa estate politica si sono registrati due eventi speculari. Da una parte, la malsana maggioranza delle larghe intese si è asserragliata dentro l'obiettivo di manomettere la Costituzione per dare vita ad una repubblica presidenzialista, che non tollera alcuna forma di controllo democratico. Un disegno neo-autoritario per riscrivere assetti istituzionali verticali, aggiornando antiche ispirazioni piduiste, per assecondare meglio le oligarchie che governano economia e politica. Un piano lucido e determinato che punta spedito alla modifica dell'art.138, incurante della precarietà di quella stessa maggioranza dilaniata dalle vicende giudiziarie del pregiudicato Berlusconi, alleato di governo di un Pd incapace di progettare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi