closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Europee decisive per Syriza: il 25% può portare Tsipras al governo

Elezioni 2014. Per i sondaggi Alba Dorata è al 7,5%, l’«Ulivo» al 6,5%

Alexis Tsipras, presidente di Syriza, durante un recente comizio a Bologna

Alexis Tsipras, presidente di Syriza, durante un recente comizio a Bologna

Recessione, crisi umanitaria senza precedenti, disoccupazione oltre il 28%, tagli a stipendi e pensioni, promesse vane e speranze perse: ai greci è chiaro che il voto di oggi è un referendum sulle politiche applicate dalla Troika (Bce, Fmi, Commissione Ue) negli ultimi anni. Per bocciarle, come vuole il leader della sinistra radicale (Syriza), Alexis Tsipras. O per approvarle, come vorrebbe il premier conservatore (Nea Demokratia) Antonis Samaras, che fa appello alla difesa della «stabilità politica». Una stabilità che fa certo comodo all’establishment politico ed economico, ma che non dovrebbe interessare gli strati economicamente più deboli sempre più affamati e disperati....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi