closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Sassoon: l’Europa, difficile miracolo

Il pamphlet. Le disuguaglianze crescenti e gli egoismi delle regioni più ricche rendono sempre più complicato il progetto di un’unione vera. Mentre si allontanano gli obiettivi della solidarietà e della redistribuzione. Intervista allo storico inglese Donald Sassoon, con uno sguardo alla sinistra e al populismo crescente in Gran Bretagna, da sempre euro-scettica

Parigi, sciopero delle ostetriche nel novembre 2013:

Parigi, sciopero delle ostetriche nel novembre 2013: "Più salario e un maggiore riconoscimento da parte della sanità"

«Quando l'Europa era al centro dell’universo, e cioè più di 150 anni fa, gli europei non parlavano dell’Europa. Hanno iniziato a farlo solo da quando l’Europa ha cominciato a passare dal centro alla periferia del mondo». Ad affermarlo è lo storico Donald Sassoon nelle prime righe del pamphlet Quo vadis Europa? (Castelvecchi), dove ricostruisce in maniera realistica e spassionata la crisi del progetto europeo. Un’analisi pessimistica (perché «le false speranze non devono oscurare la comprensione della situazione») che vuole contribuire, però, a trovare una strada per salvare «il miracolo di un’associazione di 28 Paesi che (...), malgrado tutto, cercano di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.