closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Eurogruppo a 18, Grecia esclusa

Fallimento a Bruxelles. I creditori rifiutano la richiesta presentata da Atene di un allungamento di qualche settimana del programma di aiuti, per poter rimborsare l'Fmi martedi' e far fronte al referendum del 5 luglio. "Il piano B diventa A": in agenda, ormai, il default della Grecia. Sospeso il versamento dell'ultima tranche del programma di "aiuti". Varoufakis rifiuta di firmare un testo che accolla la colpa della rottura ad Atene. La Bce in prima linea di fronte al rischio di un bank run. Per Dijsselbloem ormai "i negoziati sono finiti" e l'unico problema è "salvare la stabilità dell'eurozona"

L’Eurogruppo è finito a 18, senza la Grecia. Con una constatazione di fallimento: il pacchetto riforme contro soldi freschi è finito. Yanis Varoufakis ha rifiutato l’ultima umiliazione: gli hanno chiesto di firmare un testo dove la Grecia si assumeva la piena responsabilità della rottura. Già a metà pomeriggio, per i ministri della zona euro, come ha riassunto uno dei “falchi”, il ministro finlandese Alexander Stubb, “il piano B diventa il piano A”, cioè il default della Grecia. Tsipras ieri ha parlato ancora al telefono con Hollande e Merkel, per cercare una via d’uscita. Ma l’Eurogruppo è andato avanti nel muro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.