closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Eurasia, fra scambi concreti e oniriche affabulazioni

Dalla Cina al Mediterraneo. Più di ottanta studiosi hanno contribuito a «Le vie della seta» , suggestiva testimonianza del carattere intrinsecamente relazionale della esperienza umana: da Einaudi, con corredo iconografico di Susan Whitfield

Uno spazio multiforme, attraverso il quale sono transitati nel corso dei secoli uomini e merci, tecniche e fedi religiose, immagini e racconti, monaci e mercanti, esploratori e avventurieri, banditi e pellegrini, venne chiamato – dal tardo Ottocento in poi – con la suggestiva e fuorviante denominazione «Via della Seta»: quell’insieme di reti commerciali interregionali sin dalla fine del I millennio a.C. ha collegato l’Asia all’Europa e al Mediterraneo. Vi circolavano, in realtà, molti generi di prodotti: oltre ai filati e ai tessuti, c’erano pietre semipreziose, ambra, spezie, metalli, vasellame, vetro, pellicce, medicinali, cavalli, e perfino schiavi. Era uno spazio di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.