closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Ettore Spalletti: stupore, dialogo, differenza. Colore

Una mostra per tre: a Roma, MAXXI; a Torino, GAM; a Napoli, MADRE. Non azzeramento, ma vita nascente: sin dagli esordi anni settanta, l’arte monocroma di Ettore Spalletti articola - gentile, mediterranea - una tradizione

Ettore Spalletti, Documenta IX, Kassel, 1992

Ettore Spalletti, Documenta IX, Kassel, 1992

Armonia e incanto riservano le opere di Ettore Spalletti a quanti sanno abbandonarsi alle gioie del colore disteso in larghe superfici nelle gamme tenui e aurorali che gli umani riservano agli appena nati. L’occasione per goderne è offerta da tre grandi mostre presentate in altrettanti musei: il MAXXI di Roma, la GAM di Torino e il MADRE di Napoli, i quali, alleatisi in un inedito e felice esperimento, omaggiano l’artista abruzzese, nato a Cappelle sul Tavo nel 1940 e residente nella vicina Spoltore. La gallerista Lia Rumma ha sostenuto questa operazione, necessaria dal momento che tra i compiti delle istituzioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi