closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Etnografie letterarie dentro la transizione

Scaffale. Luigi Cepparrone, «In viaggio verso il moderno», per le Edizioni Ets. Un’indagine sulle figure migranti nella narrativa italiana tra Otto e Novecento

Giovanni Segantini, «Ritorno al paese natio» (1895), Staatliche Museen, Berlino

Giovanni Segantini, «Ritorno al paese natio» (1895), Staatliche Museen, Berlino

Una corretta lettura critica dell’opera letteraria e l’individuazione del suo valore all’interno della rappresentazione culturale che una società elabora di se stessa, non possono prescindere da un’analisi antropologica che indaghi l’opera stessa come indicatore e prodotto di una particolare visione della civiltà, della storia e della proiezione verso il futuro che in quella società si determinano. La strumentazione analitica, le procedure euristiche, l’interpretazione linguistica e la metodologia storiografica proprie dell’antropologia culturale, da un lato, e quelle della critica letteraria, dall’altro, richiedono una sempre più intrecciata contaminazione reciproca, in particolare, quando l’indagine dei significati di un’opera poetica o narrativa viene svolta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi