closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Abiy Ahmed invita il popolo a prendere le armi

Etiopia . L’avanzata tigrina verso Addis Abeba preoccupa il governo centrale, che però nega la perdita della città di Dessie. Emergenza sfollati. Negoziati esclusi dal Tplf: «La guerra sta per finire». Più a sud anche i ribelli oromo all’attacco

L’operazione di ripristino dell’ordine nella regione del Tigray avviata lo scorso 4 novembre è diventata guerra regionale e poi si è allargata a macchia d’olio verso le regioni limitrofe dell’Amhara e dell’Afar e negli ultimi giorni sembra dirigersi verso la stessa capitale etiope Addis Abeba, dopo che l’esercito tigrino avrebbe preso il controllo della città di Dessié lungo l’autostrada che va verso la capitale. TUTTAVIA, IL GOVERNO CENTRALE, attraverso il suo portavoce Legesse Tulu, ha negato il ritiro dell’esercito dalla città sostenendo che si tratta di «propaganda prefabbricata». Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha inviato il popolo «a sospendere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.