closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Eternit, iniziato il processo bis per i 392 morti di Casale Monferrato

Imputato Stephan Schmidheiny, il magnate svizzero della multinazionale dell’amianto

I familiari delle vittime dell’Eternit

I familiari delle vittime dell’Eternit

I familiari delle vittime dell’Eternit sono arrivati a Novara con la speranza che questa volta «la legge sia uguale per tutti». Ieri, è iniziato, infatti, il processo Eternit Bis che vede imputato con l’accusa di omicidio volontario, con dolo eventuale, per la morte di 392 persone nel territorio di Casale Monferrato Stephan Schmidheiny, 73 anni, il magnate svizzero ultimo padrone della multinazionale dell’amianto. Si tratta solo di una parte delle 3mila vittime che, in questi anni, sono state colpite nella cittadina piemontese oltre che dal mesotelioma, da asbestosi e tumore al polmone. L’udienza si è svolta – come stabilito dalla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi