closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Eta, la dissoluzione finale senza scuse

 Graffito per i prigionieri dell'Eta nel comune basco spagnolo Agurain

Graffito per i prigionieri dell'Eta nel comune basco spagnolo Agurain

Anticipata dallo scoop del diario.es, ieri è arrivata ufficialmente la dichiarazione della dissoluzione definitiva dell’Eta. Il comunicato finale è stato letto da Ginevra da un rappresentante del Centro Henry Dunant per il dialogo umanitario, e contemporaneamente dal dirigente storico di Eta Josu Urrutikoetxea (Josu Ternera) e della prigioniera Soledad Iparragirre in euskara, castigliano e francese (i video sono stati diffusi dai giornali locali Gara e Berria). Nella dichiarazione non si fa menzione alcuna alle vittime della lotta armata e al dolore causato, come riportato dalla stampa spagnola il giorno prima. «Un ciclo si è chiuso», dice l’Eta annunciando lo smantellamento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi