closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Esma Redzepova, voce contro il razzismo

Musica. In un album, «My Last Song», le ultime incisioni della grande cantante rom scomparsa nel 2016. I successi nella Jugoslavia di Tito, le lotte nel sociale e i tour mondiali

Esma Redzepova

Esma Redzepova

Nel quadro della fisionomia federale, multietnica e non confessionale assunta dalla Jugoslavia di Tito, alla popolazione rom fu riconosciuto lo statuto ufficiale di minoranza, e il governo promosse la loro lingua e la loro cultura. Non che fossero tutte rose e fiori, perché il razzismo non si abolisce per decreto e non mancò di manifestarsi non solo nella società ma anche a livelli istituzionali e politici, ma nella Jugoslavia socialista, rassicurati dalla legittimazione dall’alto, gli artisti rom si trovarono incoraggiati alla creazione di una cultura musicale urbana, moderna, aperta, combinando le proprie tradizioni con influenze del folclore slavo, della musica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.