closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Esistenze avvelenate in una Cina animosa

SCAFFALE. «L’epoca dei tatuaggi» di Su Tong, per Orientalia. I racconti sono stati scritti dopo la fioritura della «letteratura delle ferite e cicatrici»

Su Tong, grande scrittore di racconti che hanno come protagonisti donne e ragazzini, può essere gustato nella sua miglior vena nella raccolta L’epoca dei tatuaggi (Orientalia, traduzione e cura di Maria Rita Masci, pp. 152, euro 14): storie tutte ambientate nella stessa strada, la via Xiangchunshu, negli anni Settanta del Novecento, quelli dell’infanzia e dell’adolescenza dell’autore, nato a Suzhou nel 1963. LA STRADA È LA STESSA in cui si svolge la storia delle due sorelle nubili della bottega di soia di Altre vite di donne (Einaudi 2008): un microcosmo di intrecci di vita di cinesi ordinari che Su Tong ci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi