closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Ucciso a sangue freddo Fanella, il “cassiere” di Mokbel

Roma criminale. Regolamento di conti alla Camilluccia. Freddato Silvio Fanella, condannato a 9 anni, «pupillo» del faccendiere Mokbel. Rimasto gravemente ferito Giovanni Battista Ceniti, ex militante di Casa Pound in Piemonte. Secondo il pm Paolo Ielo era nel gruppo di fuoco

È stata una esecuzione. Fredda, probabilmente preparata con cura. Un regolamento di conti nel cuore di Roma, tra le case borghesi della Camilluccia. A terra, senza vita, è rimasto “il pupillo” del capo di quel gruppo di faccendieri coinvolti nel riciclaggio milionario “Telecom Italia Sparkle-Fastweb”, il nero Gennaro Mokbel. Si chiamava Silvio Fanella, 41 anni, di professione ragioniere, con un passato da produttore cinematografico, condannato lo scorso ottobre a 9 anni di reclusione. Era a casa della cugina e, probabilmente, temeva l’agguato, tanto da essere armato e pronto, a sua volta, a sparare. Sul selciato davanti alla sua abitazione è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi