closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Escalation in Umbria, la sanità è al tracollo

Covid. Giunta Tesei sotto accusa per la gestione dell’emergenza. Il nodo del personale sanitario, diminuito rispetto alla prima ondata

Perugia zona rossa

Perugia zona rossa

La metafora della presidente Donatella Tesei è scontata - «Siamo in guerra» -, ma che il Covid e le sue varianti stiano mettendo in ginocchio l’Umbria è un fatto che non si presta a molte interpretazioni. A Natale si viaggiava su una media di 150 positivi al giorno, i numeri diffusi nella giornata di ieri dalla Regione parlano di 415 casi su 4.699 tamponi, per un’incidenza dell’8,83%, con dodici morti. Dall’inizio della pandemia le vittime sono 863, di cui 62 solo in questi primi dieci giorni di febbraio. Su 506 degenti in regione, 80 sono in terapia intensiva, per un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi