closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Erdogan salva mezzo governo, poi inizia a corteggiare i Talebani

Afghanistan/Turchia. Portati a Istanbul, nascosti tra cittadini turchi, i vertici della leadership decaduta. Ankara già vede opportunità economiche e politiche. E gli islamisti passano dalle minacce al dialogo

Il presidente turco Erdogan

Il presidente turco Erdogan

Cinque giorni fa, il 16 agosto, un aereo della Turkish Airlines è atterrato a Istanbul. Era partito poche ore prima da Kabul con a bordo 324 passeggeri. Nascosti tra i cittadini turchi, riporta il quotidiano filo-governativo Hurriyet, c’erano anche i vertici del decaduto governo dell’Afghanistan: il vice presidente Sarwar Danish, il ministro degli esteri Mohammed Hanif Atmar, il capo dell’intelligence Ahmad Zia Sraj, altri tre ministri e qualche parlamentare. In tutto una quarantina di funzionari. L’operazione era stata messa in piedi in fretta e furia dalle autorità turche il giorno prima, non appena i Talebani avevano fatto il loro ingresso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.