closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Erbicida cancerogeno: la Monsanto risarcirà malato terminale

Usa. Un tribunale di San Francisco condanna la multinazionale a risarcire un giardiniere che per anni ha usato il Roundup. A Dewayne Johnson, 46 anni, affetto da un tumore incurabile, andranno 289 milioni di dollari. È la prima causa aggiudicata sugli effetti del prodotto a base di glifosato

Dewayne Johnson abbraccia uno dei suoi avvocati dopo  il verdetto contro Monsanto

Dewayne Johnson abbraccia uno dei suoi avvocati dopo il verdetto contro Monsanto

Un tribunale di San Francisco ha ordinato alla Monsanto di risarcire 289 milioni di dollari per avere provocato un tumore ad un uomo impiegato come custode giardiniere da un distretto scolastico della Bay Area. La giuria ha ritenuto che l’uso quotidiano di erbicida che DeWayne Lee Johnson, di 46 anni, era tenuto a fare nell’esercizio delle sue mansioni ha contribuito al linfoma non Hodgkins che ha contratto. LA SENTENZA ha un peso enorme per l’entità del risarcimento e soprattutto perché rappresenta la prima causa aggiudicata sugli effetti carcinogeni del Roundup, il marchio con cui il colosso chimico Monsanto commercializza erbicidi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.