closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Epilogo previsto, ma è anche il capolinea

Il commissario. Un governo affidato ad un «tecnico» non è che l’epilogo degno di un parlamento incapace, formato da un personale inadeguato

Mario Draghi

Mario Draghi

Dunque, l’epilogo della crisi di governo è stato l’affidamento dell’incarico a Mario Draghi, un «tecnico», competente, grand commis dello Stato, per un governo «non politico» che guidi l’Italia fuori» dall’emergenza sanitaria, sociale ed economica». L’obiettivo «marzo 2023» è dunque in vista, per la scadenza naturale del parlamento. Ma quale altro epilogo poteva avere una legislatura nata sulle premesse che avevano portato al voto del marzo 2018? Un parlamento eletto in cui la metà dei voti era andata a due liste che avevano fatto dell’opposizione ai partiti «mainstream» il loro vessillo, tra populismi sovranisti e anti-sistema. Un parlamento in cui più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.