closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Eni, Enel e Vodafone ma a chi diamine affidate gli appalti?

Il caso. Milano, sfruttati da un'imprenditrice che opera a nome delle tre multinazionali. E che non ha mai retribuito gli operatori del suo call center

Una lavoratrice dei call center in piazza ieri a Roma per lo sciopero nazionale del settore

Una lavoratrice dei call center in piazza ieri a Roma per lo sciopero nazionale del settore

Sono bravi ad ammantarsi di "eticità", a fare beneficenza. Quasi geniali nel loro marketing patinato. Ma poi cadono lì: i diritti del lavoro. Non c’è proprio modo che le multinazionali che operano nel nostro Paese si diano una regolata: magari i loro dipendenti sono garantiti e ben pagati, ma l’appalto resta selvaggio. O meglio, in questo caso il sub-appalto. I brand coinvolti sono Eni, Enel e Vodafone, e alla base della piramide ci sono 22 lavoratori che in 6 mesi non hanno mai visto un euro. La storia che raccontiamo è accaduta a Milano: ha dell’incredibile, ma nel disastrato panorama...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.