closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Energia fossile a sei zampe, Eni sotto accusa

Clima. Proteste nel giorno dell’assemblea «a porte chiuse» degli azionisti della multinazionale. A Ravenna il no al sito di stoccaggio di CO2

Protesta a Ravenna contro il sito di stoccaggio di CO2 in Adriatico

Protesta a Ravenna contro il sito di stoccaggio di CO2 in Adriatico

Ci si può dichiare «green» continuando a produrre CO2? Eni pensa di «sì», semplicemente mettendo il gas serra delle attività industriali sotto al mare. Lo farà in Inghilterra, nella baia di Liverpool, e ad Abu Dhabi. Lo farà anche al largo della costa di Ravenna, nel Mare Adriatico, utilizzando depositi ormai esausti di gas metano. Da tornare a riempire, questa volta con anidride carbonica. La tecnologia si chiama Ccs, acronimo che sta per «Carbon capture and storage», cattura e stoccaggio di anidride carbonica. Un progetto strategico per l’azienda, ha detto l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi che conta molto sul...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi