closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Emozioni sceneggiate da paesaggi post apocalittici

Narrativa. «Neghentopia», l’ultimo romanzo di Matteo Meschiari per Exòrma

Un breve flashback: un monaco e un ragazzino parlano. Quest’ultimo accetta di uccidere qualcuno. Poi, schermo nero. Titoli di testa. Una scritta alla Star wars recita: «Anno 42 dopo la guerra dei soli. La repubblica democratica del Nord e la federazione popolare del Sud si fronteggiano in un mondo semidistrutto. Popoli senza terra migrano tra i deserti. Le antiche metropoli sono villaggi caotici dove l’umanità si ricicla e sogna di sopravvivere. La flora e la fauna sono allo stremo. La polvere è ovunque». NON SI TRATTA DELL’INIZIO di un film, ma dell’incipit dell’ultimo romanzo di Matteo Meschiari, Neghentopia (Exòrma, pp....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi