closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Emmanuel Carrère, tra i fantasmi della finzione e le ombre dell’Io

A partire da L’avversario (tradotto nel 2000 da Einaudi), la scrittura di Emmanuel Carrère ha trovato il suo perno in un’originale ibridazione di biografia e autobiografia, una sorta di corpo a corpo letterario con la vita altrui, il cui ritratto biografico emerge a condizione di continui e ossessivi rimandi al sé, in un costante contrappunto con la propria vita, secondo una postura autobiografica che incontra il mondo a partire dai propri fantasmi. Poiché l’oggetto biografico dipende dalle contingenze esistenziali dello scrittore, vera misura della vita altrui, esso non è mai stabilmente classificabile: dal completo anonimato di un reduce di guerra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.