closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«Emissioni navali, l’Ue intervenga»

Il fatto della settimana. Un marchio che certifichi l’impatto ambientale dei trasporti, un Fondo per gli oceani e l’istituzione di zone a emissione controllata. L’europarlamentare verde Jutta Paulus chiede un ruolo attivo dell’Ue

«Ora che l’Imo, l’agenzia delle Nazioni Unite, ha dimostrato di aver completamente fallito, sta agli stati prendere l’iniziativa per ridurre l’inquinamento e le emissioni del settore marittimo. Sia l’Europa ad assumersi la responsabilità e accelerare l’implementazione del Green Deal. L’Unione europea deve fare in modo che anche le navi paghino per le loro emissioni all’interno del sistema per lo scambio delle quote di emissione (Ets) e che siano obbligate ad usare i carburanti alternativi verdi e le tecnologie per il risparmio energetico». All’indomani del flop delle trattative dell’Imo, Faïg Abbasov, direttore del settore navigazione dell’associazione Transport&Environment, chiede all’Unione europea di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi