closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Elogio delle cento comunità del cambiamento

Si chiamano Comunità del cambiamento e il nome, già da solo, spiega molte cose: si tratta di progetti che coinvolgono più soggetti e non una singola impresa e che puntano a innescare un cambiamento tangibile per quanto riguarda produzione, trasformazione, distribuzione e consumo del cibo. In che modo? Generando una ricchezza condivisa, intesa non soltanto dal punto di vista economico ma anche sociale, ambientale (le attività devono insomma concorrere a tutelare il suolo e il paesaggio) e della salute. Slow Food, che da più di trent’anni fa di sostenibilità e inclusione i cardini del suo impegno per un cibo buono,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi